CERCA:



come fare un semplice supercondensatore home made riciclando

1 Apr , 2020 - elettronica, fai da te

Tempo necessario:

4/10

Difficoltà:

3/10

~~~~~~~ Occorrente ~~~~~~~

MATERIALI:

  • pellicola di alluminio da cucina
  • foglii di carta
  • 1 Lattina vuota
  • glicerina ( la puoi trovare in farmacia o su internet)
  • solfato di magnesio ( anche questo su internet o farmacia)
  • scatola di tik tak (o altre scatole di plastica a vostra scelta
  • cavetti conduttori o filo di rame rigido
  • carbone attivo (trovabile su filtri dell’acqua, internet o su negozi di animali )

STRUMENTI:

  • Pistola colla a caldo o colla Attack
  • Forbici o taglierino
  • Pennello
  • Righello
  • ciotola
  • macina caffè o macinino
  • setaccio (come quello utilizzato per il zucchero a velo o tisane sfuse)
  • bilancino ( se volete essere precisi con le dosi)
  • multimetro e alimentatore (se volete testare il risultato finale e l’effettiva capacità)

~~~~~ Procedimento ~~~~~~

  1. Cominciate dal tagliare in 2 pezzi un foglio d’allumino dalla lunghezza di …. ,questi fungeranno da armature del condensatore che andremo a costruire.
  2. per fare i morsetti del condesatore prende il filo di rame o il cavetto conduttore ( nel caso abbia una guaina isolante riumovetela) e con una forbice ricavatene 2 dalla lunghezza di qualche centimetro maggiore a quella della larghezza dei fogli ricavati nel passaggio precedente.
  3. arrotolate con qualche giro di fogli del primo passaggio i morsetti appena ricavati per unirli saldamente . per far si che non si sfilino, passate con una lieve linea di colla attack l’ultimo giro e le estremita come in figura. Garantite che ci sia continuità tra morsetti e armature
    ( ossia che siano in contatto elettrico) tramite il tester di conduzione del multimetro.
  4. prendete …. grammi di carbone attivo e trituratelo con il macina caffè per povchi minuti. dopo averlo ben triturato passatelo al setaccio sopra un foglio o un recipiente. Lo scopo è quello di ricavare le particelle più piccole in modo da avere nei passaggi successivi una superfice più uniforme e in particolare meno spessa ( vedi legge dimensionamento condensatore )
  5. ora per creare l’elettrolita versate rispettivamente 8 parti di glicerina per una di solfato di magnesio. NB: affinchè quest’ultimo venga dissolto completamente possono occorrere anche giorni.

Stefano Signoretto

Sono nato il 26/12/1995 a Chioggia. Fino da quando abbia ricordi, probabilmente ispirato dal genio di mio nonno (meccanico eccezionale e grande cultore della scienza, per me grande fonte di ispirazione) e dalla mia insaziabile sete di conoscere e creare ogni cosa, sognavo di diventare un inventore e rendere migliore il mondo con le mie idee e creazioni. Con il passare degli anni ho coltivato queste ed altre passioni: disegno, musica, spiritualità, parkour, elettronica, artigianato, eco-edilizia ..ecc. In particolare la freeenergy, l'ecologia e l'home-made. In sintesi qualsiasi cosa che mi ispirasse a rendere il mio futuro e quello degli altri più responsabile e consapevole. Ho deciso di dedicare la mia vita a questo scopo. E assieme a Giovanni Vangelista abbiamo pensato di creare questo sito per diffondere le nostre idee e conoscenze. Mi auguro che il nostro lavoro vi aiuti a creare un futuro migliore.


Condividi sui social:


Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *